rssicon

Non è della lingua italiana che voglio parlarvi in questo post ma della "nostra lingua" (ovvero della lingua di noi italiani).

Impariamo di nuovo a tirare fuori la lingua: proprio come sapevamo fare da bambini (e davvero fortunati quelli di noi che hanno potuto farlo tutte le volte che lo hanno voluto).

Le funzioni della lingua umana non sono solo quelle che vi stanno venendo in mente proprio adesso mentre state leggendo questo post … …

La lingua è un organo del nostro corpo che possiamo usare (riusare) alla grande quando per esempio siamo bloccati dallo stress e così non riusciamo a venire a capo di qualcosa che vogliamo davvero fare.

Purtroppo – davvero purtroppo - molti di noi sono stati indottrinati fin da piccoli a sforzarsi e sforzarsi sempre di più quando non riescono nel fare una cosa. E così abbiamo convinto il nostro cervello che per riuscire nelle cose, quello che si deve fare è sforzarsi … sforzarsi .. sforzarsi …

Se lo fa lui che  è Albert Einstein ...TIRATE FUORI LA LINGUA e se preferite fatelo in un luogo tranquillo. Fatelo lentamente e morbidamente ma sopratutto non fatelo meccanicamente

E per non farlo meccanicamente prendetevi una piccola pausa fra un uscita e l’altra in modo che così il vostro cervello avrà avuto il tempo di reimparare come si tira fuori la lingua senza sforzo alcuno.

Fatto questo, la prossima volta che vi sentirete bloccati nel fare una qualche cosa prendetevi del tempo per provare a farla tenendo nel contempo la lingua fuori dalla bocca morbidamente e senza forzare.

Provate… e non finirete più di stupirvi di come facendolo vi sentirete più competitivi anche nel mondo del lavoro.  

 

1 Commento per “Essere competitivi nel mondo del lavoro è anche una questione di lingua”

  1. NO ai problemi… SI ai “bei problemoni…” | TIPS... VIVI CON PIACERE ANCHE MENTRE SEI AL LAVORO! "Attenzione ai trabocchetti!" | Guida al Lavoro Autonomo ha scritto:

    […] Siccome non possiamo ignorare che i problemi  possano esistere, quello che possiamo fare è neutralizzarne gli effetti negativi è così… […]

Commenta questo post

:

:

: