rssicon

Se è vero che sono molti quelli di noi che svolgendo (o accingendosi a svolgere) un lavoro autonomo si prendono cura di migliorare – in modo sistematico –  quelle capacità che ne caratterizzano l’attività lavorativa, è purtroppo vero che ben pochi di noi sono consapevoli di come il saper comunicare con gli altri sia la madre di tutte le capacità.

La comunicazione è la capacità madre perchè senza di essa tutte le altre capacità non possono dispiegare appieno la loro efficacia.

Se molti di noi sono consapevoli dell’importanza che riveste il saper parlare ovvero il saper esprimere il proprio pensiero mediante l’uso della lingua italiana ben pochi si rendono conto che il saper comunicare è tutt’altra cosa.

Sapere comunicare con efficacia significa essere in grado di far capire agli altri quello che vogliamo dire e quindi se gli altri mostrano di non capire, allora vuol dire che noi non siamo stati capaci di comunicare con efficacia:

- quando gli altri non capiscono quello che vogliamo dire "la responsabilità" di questa incomprensione  è tutta nostra!

Quando esprimiamo il nostro pensiero con le parole dovremmo renderci conto che –  molto più spesso di quello che non possiamo immaginare – ognuno di noi non attribuisce lo stesso significato alle parole, per non dire poi del fatto che molti di noi si intestardiscono ad usare espressioni dialettali o termini tecnici sconosciuti ai più.

Già l’essere consapevoli di quanto sopra e quindi trarne le dovute conseguenze migliorerebbe di molto l’efficacia della nostra comunicazione ma…

Le donne sono maestre nella comunicazione non verbale!Ma quello di cui ben pochi di noi si rendono conto è che ciò che fa davvero la differenza nella comunicazione verbale non è tanto quello che diciamo ( e quindi le parole che usiamo) ma come lo diciamo ossia la comunicazione non verbale:

- la velocità con cui parliamo, il volume e il tono della nostra voce, le espressioni del nostro viso e la postura, ovvero le posizioni che assume il nostro corpo mentre parliamo, tutte queste cose insieme debbono saper esprimere un messaggio coerente.

Qui di seguito trovate 5 links a miei post che possono aiutarvi a migliorare la vostra capacità di comunicazione non verbale:

- Sono le nostre convinzioni che condizionano davvero la nostra capacità di comunicazione non verbale e questo vale anche per superare le difficolta nel mondo del lavoro

- Se ci sentiamo stressati quando stiamo parlando con qualcuno è molto improbabile che riusciremo a far comprendere il nostro pensiero: impariamo a ridurre lo stress!!

- Se impariamo a gestire il nostro umore aumentano i nostri ricavi e quindi i nostri margini aziendali.

- E’ la nostra postura uno dei fattori chiave della comunicazione non verbale e in questo noi maschi abbiamo molto da imparare

- Vogliamo ottimizzare la nostra comunicazione non verbale? Smettiamola di stare in panchina!

3 Commenti per “Anche nel “lavoro autonomo” saper padroneggiare la comunicazione verbale e non verbale incrementa i nostri ricavi”

  1. angela padrone ha scritto:

    Ciao Piero, trovo questo blog molto interessante e divertente, secondo me utile anche per chi nel mondo del lavoro ci sguazza da lungo tempo. …Ma voglio aggiungere qualcosa al tuo post sulla comunicazione. Primo, padroneggiare l’italiano non è affatto scontato e chi ha dei problemi spesso fa fatica a rendersene conto. Quando lavoravo all’università (nei primi anni dopo la laurea) mi accorgevo che arrivavano a Lettere delle persone chiaramente in difficoltà con la lingua orale e scritta…ma a loro qualcuno lo diceva mai? Difficile. Quindi molti dei loro insuccessi erano causati da qualcosa di cui neanche si rendevano conto.
    Secondo, come dici la comunicazione è fatta di tante sfumature che non si finisce mai di imparare. I ragazzi che vogliono entrare nel mondo del lavoro dovrebbero pretendere che qualcuno gliela insegnasse e che li sbattesse davanti alla realtà…perché se no ce la faranno solo quelli che vengono da famiglie e quindi da background culturali all’altezza: ma non per le raccomandazioni, bensì perché chi ha dei maestri in casa, o i muri foderati di libri, è ovvio che impari senza neanche accorgersene…

  2. carlodangio ha scritto:

    Ciao Piero, scusami se uso questo post. Volevo darti un’informazione in privato. Come posso fare? A presto
    Carlo D’Angiò – info@dangio.net

  3. Piero Viscardi ha scritto:

    Salve Carlo, clicca su CONTATTAMI (è il 7° punto del menu che è sulla destra del blog). Riempi i campi ed inviamelo così poi ti inoltro la mia email privata.

    A presto!
    Piero Viscardi

Commenta questo post

:

:

: