rssicon

Il sistema scolastico formativo e universitario italiano è una palla al piede della creatività delle persone e così ostacola l’accesso al mondo del lavoro dei nostri giovani e frena il nostro sistema economico. Questa è l’affermazione che un professore di liceo, prossimo al pensionamento, mi faceva qualche anno fa e neanche tanto a bassa voce durante una delle mie sortite nel mondo della scuola ovvero in quello che molti indicano come essere l’ultima catena di montaggio rimasta, ma forse quest’ultima considerazione è più vera se riferita al mondo universitario. Scusatemi un momento, forse sono partito davvero troppo forte ma il sangue va alla testa anche a persone considerate serie come me. Ovvero più che andarmi alla testa mi stringe in una morsa sorda lo stomaco proprio come succede a tutti in certe circostanze. Una morsa sorda allo stomaco che mi prende improvvisa quando vedo e sento come nel mondo della scuola, formazione e università sia tanto poco se non forse niente il rispetto per il tempo e l’intelligenza degli altri e tanto più se questi altri SONO OBBLIGATI per legge e per USANZA a frequentare questi ambienti. Ed è per allentare questa morsa che vi sottopongo queste mie considerazioni di imprenditore, oggi consulente aziendale esperto di marketing e business mentoring, ovvero proprio partendo da un punto di vista che a molti ha fatto comodo e fa ancora comodo relegare solo nella sfera delle tematiche del mondo del lavoro come se anche questo non facesse parte del nostro essere vivi e così mi sarebbe di grande sollievo poter pensare che anche a voi piacerebbe provare a diventare dei veri esperti di marketing magari leggendo queste semplici righe. Cos’è il MARKETING ?? MARKETING è rispetto del tuo cliente. E al posto della parola cliente potete mettere quella di allievo, studente, collega, datore di lavoro, partner, fornitore e anche amico e compagno; MARKETING è fare provare al tuo cliente la sensazione di essere libero di scegliere ma al contempo non farlo sentire mai solo nelle sue scelte; MARKETING è fare godere appieno al tuo cliente il piacere di vivere il momento dell’acquisto come un momento di sincera relazione con te; MARKETING è capacità di trasmettere al tuo cliente la sensazione che scopo del pagamento del prezzo non è quello di essere alla pari: io insegno qualcosa a te, ti do la merce, il servizio, la prestazione e tu dai a me i soldi ma quello di essere in relazione; MARKETING è non fare mai violenza all’intelligenza del tuo cliente; In sintesi: stimolare nel tuo cliente quelle emozioni e sensazioni che tu stesso provi quando sei nei panni del cliente e così ti senti pienamente a tuo agio: questo è davvero MARKETING.

un abbraccio di cuore

Piero Viscardi

 

2 Commenti per “Il sistema scolastico formativo e universitario italiano è un killer dell’occupazione giovanile 2”

  1. BLOG di Piero Viscardi » Università italiana e Mondo del Lavoro: “E’ la mattanza dei laureati italiani” ha scritto:

    […] Per uno come me che da sempre (ovvero anche da quando ero studente universitario) sostiene che l’Università Italiana è KILLER DELL’ OCCUPAZIONE questa notizia non suona come una sorpresa. . . […]

  2. Sessualità, Scuola e Mondo del Lavoro… | "Scopriamo insieme cosa vuoi davvero dal tuo lavoro" "Attenzione ai trabocchetti!" | Guida al Lavoro Autonomo ha scritto:

    […] – provate a rivisitare nella vostra mente quello che è stato il vostro mondo della scuola (e dell’università ) e immaginate che sia stato uno spietato killer dell’occupazione giovanile. Fate lo stesso con  i mass media e provate ad immaginarli p.e. come il luogo dove l’ignoranza viene coltivata con tenacia.  Una riflessione critica sull’influenza che la scuola  e i mass media hanno avuto e hanno su ciascuno di noi per quanto attiene il nostro rapporto con il mondo del lavoro è il primo passo da fare per capire quali e quanti sono i paraocchi che ci impediscono di mettere a frutto la nostra intelligenza e cogliere così le opportunità che ci offre un mercato del business globalizzato ed in forte espansione. Invia Articolo Chiudi […]

Commenta questo post

:

:

: